FANTASTICHE RICETTE PER IL DOPO SPORT – RICETTE CON BANANA

FANTASTICHE RICETTE PER IL DOPO SPORT – RICETTE CON BANANA

5715
3
QUOTA

bananaDi buona mattina, dopo una gustosa colazione a base di anguria, ci incamminiamo verso la piazza principale e pazientemente aspettiamo l’autobus che ci porta alle pendici del Cerro Uritorco: siamo pronti per la famosa scalata!
Con noi ci portiamo 2 mele, 2 banane ed un’insalata di riso a base di riso bollito e verdurine crude (carote, zucchine, peperoni e pomodori) e 3L d’acqua naturale.

Il maestoso Cerro ci aspettava con i suoi 1936 m d’altura, difficoltá di salita 2. Non impossibile anche per dei principianti come noi, ma neanche una passeggiata al parco.
Valutiamo quindi le condizioni di salita: 7 tappe, 1 rifugio, circa 6 km di camminata, tempo di transito medio 7-9 ore. 4 ore in media sono calcolate per la salita e 3 per la discesa.

A buon passo ci incamminiamo e sorpassiamo velocemente i primi visitatori. Prima tappa una banana che apporta energia e preziosi minerali ai muscoli, qualche foto e poi via di nuovo attraverso un sentiero roccioso, saltando da una roccia all’altra, e, piú ci avviciniamo alla vetta, piú le rocce si fanno scoscese. Quinta tappa una mela.

Quello che notiamo è l’incredibile energia che possediamo. Sebbene la “camminata” acceleri significativamente il battito cardiaco, ci accorgiamo che alla minima pausa di 2-3 minuti (il tempo di scattare una foto), il battito si stabilizza velocemente e possiamo continuare a passo sostenuto.

A nostro stupore arriviamo alla cima in appena 2 ore: la metá di ció che viene segnalato. Non siamo atleti, né andiamo in palestra o a camminare ogni giorno, tuttavia pare possediamo una buonissima condizione fisica. Gioventú a parte (quasi tutte le persone che si avventurano vanno dai 18 ai 35 anni), la nostra vita moderata, tanta frutta e verdura, ci donano un’esperienza incredibile, un’esplosione di energia che probabilmente neanche da ragazzi possedevamo, e paesaggi che ci tolgono il fiato. Cose alle quali molte persone devono rinunciare per problemi fisici e/o patologici. Un vero peccato!

Giá la maestositá del cammino ci lascia senza parole, ma ancor di piú rimaniamo esterrefatti al raggiungere la cima. Lo spettacolo è impressionante, siamo travolti da un’onda di purezza, d’immensitá e di chiarezza.
E dopo aver apprezzato Madre Natura e Dio per questa visione celestiale, da buoni affamati, divoriamo il riso e ci rilassiamo osservando i condor volare e altri uccellini di passaggio.

Capilla del Monte - Cerro UritorcoPassata un’oretta o poco piú cominciamo la discesa, dapprima lentamente e poi sempre piú rapidi visto il sole cocente (e di nuovo senza la benedetta crema solare!) e arriviamo alla base in meno di due ore (e con un’altra scottatura!).

Un’esperienza e un’energia che ti segnano dentro e che lasciano un ricordo memorabile.

E visto che siamo in tema sport, consiglio a tutti gli atleti di implementare banane nella propria dieta (se giá non lo fate).
Dopo lo sport la banana è un toccasana per i muscoli perché contiene moltissimo magnesio e potassio, zuccheri, triptofano e tutta la serie di amminoacidi essenziali.

 

Ah, e vi do anche una ricettina per un frullato, ottimo per quelle giornate di sport o anche non. Puó essere un buon sostituto di una cena intera!

FRULLATO VEGANO ALLA BANANA E DATTERI

Ingredienti (per 1 frullato)
1             Tazza di latte di mandorla fresco
2             Banane
5             Datteri medi senza osso seccati al sole (possibilmente organici)

In un frullatore frullare il latte di mandorle con la frutta, finché non diventa ben cremoso. Per un risultato piú liquido usare 1 banana e mezza.

LATTE DI MANDORLE (per una tazza)

Ingredienti:
¼            Tazza mandorle (40gr)

                Acqua

Lasciare in ammollo le mandorle in acqua bollente per 5-10 minuti e quindi togliere la pelle. Frullare le mandorle 2-3 alla volta, aggiungere una tazza d’acqua e frullare nuovamente.
Se desiderate avere maggiori informazioni sul latte di mandorle, i suoi benefici, caratteristiche e proprietá cliccate qui.

E giá che siamo in tema banane, non posso altro che suggerire questa ricetta per un gelato alla banana VERO e squisitissimo. Provatelo, stupirá voi e i bambini ne andranno pazzi!

GELATO VEGANO ALLA BANANA

Ingredienti:
Banane q.b.

Tagliare le banane a rondelle e congelare. Frullare aiutandosi con dell’acqua fredda se necessario.  Fatto! 100% banana. 100% natura. 100% sapore!

Un voto per il tuo parere:

3 COMMENTI

  1. Ciao Serena è da poco che ho scoperto il tuo blog e il lavoro splendido che fai!! Complimenti davvero!! Ho un cruccio che spero riuscirai a togliermi..ma le banane si combinano bene con la frutta secca tipo mandorle e cocco che citi in questa ricetta e anche in altre? La frutta dolce non va mangiata da sola o al massimo combinata con frutta semidolce? Grazie per l’aiuto!!

     
    • Ciao Gennaro! Hai ragione, diciamo che questo é un articolo un po’ vecchio 😀 Allora, le banane meglio se non le combini con le mandorle, anche se magari un latte di mandorle filtrato dopo lo sport non causerebbe troppi problemi. Le combino peró spesso con il cocco. Il cocco giá contiene una quantitá superiore di carboidrati e trovo la sua combinazione con le banane piú accettabile. Poi dipende anche da te e dal tuo sistema digestivo: hai lo stomaco sensibile? Allora eviterei anche questa combinazione! Comunque hai capito benissimo che la frutta dolce va sempre meglio mangiata da sola, con frutta dolce o semi-dolce. Inoltre, la puoi combinare senza problemi con lattuga, sedano e cetriolo. Se ci sono altri dubbi io rimango comunque a disposizione!

       
  2. Grazie mille Serena per i tuoi preziosi consigli!! Si diciamo che preferisco essere molto ligio alle combinazioni di alimenti per la mia estrema sensibilità..poi comunque credo che bisogni sperimentare ciascuno su se stesso gli effetti dei vari cibi..mi raccomando continua a postare ricette per noi neofiti ?

     

LASCIARE UNA RISPOSTA